Addominoplastica, Miniaddominoplastica e Lipoaddominoplastica

Pubblicato da marcello il

Addominoplastica e Mini-Addominoplastica, dr. Gianfranco Bernabei, chirurgo plastico a Milano

A chi è adatta l’addominoplastica?
Questo intervento è adatto a chi presenta una o più delle seguenti condizioni:

  • è in forma fisica relativamente buona ma mostra un eccesso di pelle e di grasso sull’addome;
  • quest’ ultimo, in particolare, resiste anche alla dieta e all’esercizio fisico
  • presenta un eccesso di grasso con o senza eccesso di pelle
  • ha l’addome sporgente o pendulo
  • ha perso la linea della vita e la curva naturale dei fianchi
  • a soggetti magri con pelle eccedente sull’addome
  • presenta quantità variabili di smagliature associate a pelle flaccida
  • donne con muscoli flaccidi a seguito della gravidanza
  • ernia dopo un intervento chirurgico addominale
    a chi presenta brutte cicatrici chirurgiche al di sotto dell’ombelico
  • ha un addome irregolare o asimmetrico
  • altre condizioni

L’intervento
L’intervento può avvenire sia in anestesia locale con sedazione, sia con anestesia totale, in funzione del tipo di intervento cui si verrà sottoposti. Sono sei le diverse tecniche chirurgiche, la cui scelta dipende dalle condizioni dell’addome del paziente:

  1. condizioni muscolari e cutanee normali con eccesso grasso: rimodellamento dei contorni dell’addome (body contouring) tramite liposcultura o liposuzione;
  2. pelle e grasso sono nella norma ma i muscoli sono rilassati:
    piccola incisione al di sopra della linea dei peli pubici con sutura dei muscoli;
  3. pelle eccedente con grasso e muscolatura rilassata:
    piccola incisione al di sopra della linea dei peli pubici, rimozione della pelle eccedente, sutura dei muscoli e rimodellamento dei contorni dell’addome (miniaddominoplastica);
  4. grandi quantità di pelle eccedente e piccoli accumuli di grasso: incisione più lunga al di sopra della linea dei peli pubici, rimozione della pelle eccedente;
  5. grandi quantità di pelle eccedente, soprattutto al di sopra dell’ombelico, grandi quantità di grasso su tutto l’addome e forte rilassamento muscolare: un unico atto chirurgico per eseguire body contouring dell’intero addome, addominoplastica con ristrutturazione e rinforzo dei muscoli addominali, rimozione della pelle eccedente, riposizionamento e rimodellamento dell’ombelico.
  6. Lipoaddominoplastica: è una raffinata tecnica chirurgica che permette, con estrema sicurezza, di associare all’addominoplastica la liposcultura di tutti i quadranti addominali e dei fianchi.

Dopo l’intervento
Day hospital o permanenza massima in clinica 1 notte.

  • la fasciatura viene rimossa il quinto giorno ed i punti di sutura fra il settimo ed il decimo giorno dopo l’intervento
  • il paziente può riprendere le normali attività dopo 3-12 giorni, in funzione del tipo di intervento subito
  • le cicatrici sono di buona qualità, di lunghezza variabile e non visibili in quanto nascoste da un comune slip o costume da bagno
  • l’esercizio fisico contribuisce a migliorare la nuova linea dell’addome e aiuta a conservarla

Le complicazioni possibili
Le complicazioni gravi non sono frequenti:

  • i fumatori sono più soggetti a complicazioni come sofferenze circolatorie e piccole aree di necrosi cutanea
  • formazione di seromi (ristagni di liquido al di sotto della pelle) e di ematomi (ristagni di sangue) – piccole aree necrotiche, sensazione di fastidio ed alterata sensibilità cutanea.

Queste complicazioni, o meglio inconvenienti nel periodo post-operatorio, sono risolvibili e non incidono sul risultato finale dell’intervento.

I risultati
L’addominoplastica totale o la miniaddominoplastica garantiscono risultati estetici eccellenti. I risultati sono duraturi se la paziente osserva le prescrizioni postoperatorie, controlla l’alimentazione e pratica regolarmente esercizio fisico.

Share via